Comune TrecastelliCultura

Trecastelli conosciuta ovunque grazie alla cultura

Uno dei punti di forza del Comune di Trecastelli è senza ombra di dubbio il settore cultura che, anno dopo anno, continua a riscuotere consensi ed apprezzamenti da ogni parte d’Italia per le innumerevoli iniziative che vengono continuamente pensate ed organizzate.

Un riferimento fondamentale per lo sviluppo culturale viene dal museo Nori de’ Nobili che, da sempre, ospita appuntamenti di grande prestigio.
Patrizia Lo Conte-5089

Recentemente, dopo un lavoro attento e scrupoloso, è stata allestita la mostra “Essere Nori”, con opere inedite della collezione del museo Nori de’ Nobili.

 

 L’esposizione presenta opere significative del percorso artistico della pittrice e pagine del suo vissuto.

Nori, “la donna dai tanti volti”, si è così potuta ammirare nei dipinti che lo scorso anno sono stati presentati a Milano, al Museo Casa delle Arti – Spazio Alda Merini ed in altre opere inedite della collezione.

2

Il progetto, inaugurato nelle stanze del Centro Studi sulla Donna nelle Arti Visive Contemporanee, è stato organizzato dal Comune di Trecastelli e dal Museo Nori De’ Nobili, in collaborazione con il Musinf di Senigallia, il Museo Casa delle Arti-Spazio Alda Merini di Milano ed il patrocinio della Commissione per le Pari Opportunità tra uomo e donna della Regione Marche.

img-20161015-wa0010

 

Come detto, il villino Romualdo ed il museo Nori de’ Nobili, sono da sempre il fulcro della cultura di Trecastelli. Qui vengono pensate, organizzate e pensate tutte le iniziative che caratterizzano il cartellone della cittadina.

 

Tra i tanti eventi del 2016, vanno ricordati:

Lo spettacolo musicale “William Shakespeare, un piede a terra, l’altro fra le stelle”, evento che ha visto la straordinaria interpretazione di quattro grandi professionisti: Lucia Fiori, soprano, Stefania Betti, arpista, Mauro Pierfederici, attore e Cecilia Bramucci, violinista.

Un recital dedicato a Shakespeare, di cui ricorre nel 2016 il quattrocentesimo anniversario della scomparsa.

La serata è stata inoltre occasione per visitare, nelle stanze del Centro Studi sulla Donna nelle Arti Visive Contemporanee, la mostra fotografica di Lorenzo Cicconi Massi “Le donne volanti”. L’esposizione, inaugurata lo scorso 4 agosto, ha proposto la tematica dell’immaginario artistico al femminile, con una serie di scatti in cui bellissime figure innalzate in volo, sono protagoniste indiscusse d’immagini realizzate in bianco e nero.

2a

La territorialità dell’esposizione è rimarcata ancor di più dalla presenza di tante ragazze della provincia, che si sono prestate al ruolo di modelle, nella realizzazione di affascinanti scatti fotografici, in cui sono esaltati i ruoli del femminile.
Recital Trecastelli 2

Anche nell’ambito del 4° raduno fotografico delle Marche, al museo si è svolta una visita guidata alla mostra fotografica “Le donne volanti” di Lorenzo Cicconi Massi.

Ed a proposito di donne, il museo ha celebrato la Giornata Internazionale della Donna con la presentazione, lo scorso 5 marzo, del libro “Dodici passi nella storia, le tappe dell’emancipazione femminile” a cura di Lidia Pupilli e Marco Severini.

Un quadro d’insieme di alcune tra le principali tappe che hanno trasformato la condizione della donna moderna e che le hanno fatto fare un salto di qualità, delineando un itinerario rivolto nella direzione del superamento della discriminazione, dell’inferiorità e della marginalità che hanno a lungo condizionato la sua vicenda storica.

Lo scorso 12 marzo, poi, Trecastelli ha vissuto un sabato tutto dedicato alla donna. Presso la Sala Consiliare, è stato celebrato il premio “Donna Cultura Associazione Ande Marche” , mentre al museo è stata inaugurata la mostra di Chiara Diamantini “A una donna di nome Nori”. Due grandi eventi in un’unica data per commemorare il mese di marzo che, com’è noto, si rivolge all’immaginario femminile.

3

Nello scorso mese di giugno è stato invece presentato il libro di Anna Pia Giansanti  Facciamo la Santa Monica? – Storia e storie di un rito predittivo tra devozione, arte e magia.

La pubblicazione è un ponte tra il Sud e le Marche, tra la Magna Grecia e il Montefeltro, con un timido affaccio sulla verde e boscosa Umbria e uno sguardo all’Abruzzo ferito, definito “terra di nessuno”.

Il 9 ottobre scorso, aderendo a “La Giornata Nazionale delle FAMIGLIE AL MUSEO ”, è stato proposto un laboratorio creativo per bambini e famiglie. Lo spazio museale è così diventato uno scenario in cui sia i piccoli visitatori che i loro accompagnatori hanno preso parte ad un’avvincente “caccia al dettaglio”. “L’Occhio Magico” all’insegna dell’arte e della fantasia, è stato il laboratorio condotto da Laura Pettinelli che ha visto la partecipazione dell’artista Vito Maria Carfì.

3b

Tra gli ospiti di prestigio del museo, lo scorso 10 aprile l’arrivo di Dacia Maraini. Ad accogliere la celebre scrittrice, c’erano il Sindaco Fausto Conigli e l’Assessore alla Cultura Valentina Marinelli.. La scrittrice si è dimostrata molto interessata alle opere di Nori De’ Nobili ed al suo percorso di vita travagliato. Altrettanta attenzione, Dacia Maraini ha dato alla mostra “A una donna di nome di Nori” di Chiara Diamantini e al Centro Studi sulla Donna nelle Arti Visive Contemporanee.

Altra iniziativa di spessore, i festeggiamenti dedicati ai 18enni di Trecastelli (lo scorso 3 giugno) presso il centro di aggregazione giovanile di Castel Colonna, in occasione dei 70 anni della Repubblica italiana.

La manifestazione ANCHE NOI MAGGIORENNI ha voluto essere un messaggio significativo, rivolto ai giovani di Trecastelli che hanno raggiunto una tappa importantissima della vita: la maggiore età e nell’occasione il sindaco ha consegnato ad ognuno di loro una copia della costituzione italiana.

 

Altra visita illustre, quella della Presidente della Commissione per le Pari Opportunità tra uomo e donna della Regione Marche Meri Marziali, assieme alla Vicepresidente Marcella Falà ed altre Commissarie della Commissione, impegnata su diversi fronti a sostenere significative tematiche al femminile. Le presenti hanno visitato sia al Museo sia alla mostra DEDICATO A NORI: 22 artiste per Nori De’ Nobili a cura di Maria Jannelli.

3d

Aderendo al Grand Tour Musei 2016, il Museo Nori De’ Nobili ha  inaugurato (il 21 maggio) la mostra  fotografica MADRI CORAGGIO-le donne di Plaza de Mayo. L’esposizione, in collaborazione con l’Associazione Nazionale Donne Elettrici, ha proposto fotografie di Paola Donatiello, antropologa culturale, esperta in diritti umani, con immagini dedicate alle donne che hanno lottato per cercare i propri padri, figli e nipoti scomparsi a causa della dittatura militare in Argentina tra il 1976 e il 1983.

Anche nel 2015, sono state numerose le iniziative culturali di rilievo, tra le quali meritano una considerazione particolare il progetto “artigiani del domani”, attuato attraverso la qualificazione di spazi comunali dedicati all’informagiovani, allo studio, all’informatica, al video ed al gioco relax, l’avvio di laboratori e l’organizzazione di eventi culturali.

Per la rassegna di cinema itinerante “Trecastelli sotto le stelle”, in estate nel cortile del centro sociale a Monterado, nel centro storico di Castel Colonna, nel parco Sofia di Passo Ripe, presso il parco della Pace a Ponte Rio ed al villino Romualdi di Ripe, sono state proiettate gratuitamente diversi film d’autore.

Anche lo scorso anno, molte attenzioni sono state incentrate sul tema della donna. Per celebrare la giornata mondiale contro la violenza femminile, è stato organizzato presso il museo de Nobili un incontro con tre artiste contemporanee a confronto, attive fin dagli anni Settanta sui temi al femminile.

Al villino Romualdo si è invece svolta (6 maggio) la lezione didattica “DONNA e PITTURA – Artemisia”, a cura di Anna Pia Giansanti.

Un percorso formativo dedicato alla figura di Artemisia Gentileschi, con spaccati di vita della pittrice di scuola caravaggesca, impegnata a perseguire, contro le difficoltà della vita, la propria affermazione artistica.

Sempre al villino Romualdo, a giugno si è svolto un piacevole concerto di musica celtica con testi e melodie che hanno raccontato di fatti popolari, amori, sogni e paesaggi. Protagonista il Trio Erin’s Fairies, gruppo è nato dall’esperienza e dal percorso di studi di tre ragazze, accomunate dalla grandissima passione per la musica celtica.

Al centro di aggregazione giovanile di Castel Colonna, sono stati organizzati corsi gratuiti di inglese, di informatica avanzata e di photoshop, aperti a tutti i cittadini dai 16 anni in su.

Per la “Giornata Nazionale delle FAMIGLIE AL MUSEO 2015”, l’iniziativa “Che gusto al museo”, proponendo ai giovani visitatori e alle loro famiglie un viaggio alla scoperta delle opere della pittrice Nori De’ Nobili attraverso una visita guidata “animata” condotta da Alessia Canducci e un laboratorio creativo.

Nel frattempo si è consolidato il sodalizio  tra il Museo Nori De’ Nobili di Trecastelli e il Museo Alda Merini di Milano con l’inaugurazione della mostra “DEDICATO A NORI – 22 artiste per Nori De’ Nobili” a cura di Maria Jannelli. In esposizione, dal dicembre 2015 le opere delle artiste del Museo milanese, con lavori che si ispirano alle due figure femminili protagoniste: Nori De’ Nobili e Alda Merini. La prima tappa di questa collaborazione si è tenuta a Milano, al Museo dedicato alla celebre poetessa, dove si è inaugurata una mostra di opere della stessa Nori.

Al museo di Trecastelli anche la mostra fotografica di Emanuela Sforza “Ritratti al femminile” dove l’autrice cattura l’attimo in cui corpi sinuosi si muovono, soffermandosi sull’espressione dell’essere umano e ritraendolo nel suo ambiente, in un gioco caratterizzato da eccezionali contrasti di bianco e di nero.

E poi, per la notte dei musei, la mostra di Mirella Bentivoglio, con un’apertura straordinaria fino a tarda serata. La Bentivoglio, artista tra le più prestigiose della poesia visiva a livello internazionale, poetessa e performer, opera nel campo delle poetiche “verbo-visuali.

Per anticipare la Giornata Internazionale della Donna, lo scorso 7 marzo, al Villino Romualdo,  si è inaugurata la mostra NORI DE’NOBILI, DONNA TRA LE DONNE, a cura di Chiara Diamantini.

Per l’iniziativa “Anche noi maggiorenni 2015”, l’evento è stato l’occasione per illustrare tutti i futuri progetti dedicati ai giovani per i quali c’è da sempre grande volontà di investire ed offrire nuove opportunità.

Il 2015 è stato il primo anno della rassegna “Trecastelli cinema sotto le stelle”, itinerante e capace di coinvolgere diverse località del territorio grazie al lavoro del Comune in collaborazione con l’Associazione Nuvolepiatte Onlus ed il patrocinio della Regione Marche.

Ad ottobre, invece, un premio di arti visive in occasione della giornata del Contemporaneo con la mostra collettiva delle giovani artiste selezionate per il premio di arti visive Nori de Nobili. L’esposizione, a cura di Annalisa Filonzi e Federica Mariani, ha presentato le opere di artiste selezionate tra oltre sessanta partecipanti provenienti da diverse regioni d’Italia e dall’estero.

 

Nel corso del 2014, meritano una citazione l’incontro con Maria Mulas, una delle più illustri fotografe italiane, al museo per parlare dell’opera Omaggio a Nori De’ Nobili 2014, realizzata esclusivamente per il Museo Nori De’ Nobili. Ad ottobre, la stessa Mulas ha poi esposto in occasione della giornata del contemporaneo e dei due anni di apertura del museo.

A novembre, invece la mostra “Nori de Nobili – la viaggiatrice immobile”, con l’esposizione curata dalla critica d’arte marchigiana Annalisa Filonzi, di cinque artisti di origine marchigiana: Simona Bramati, Allegra Corbo, Giovanni Ghiandoni, Luca Lavatori e Patrizia Molinari.

Tanti motivi insomma per confermare che la cultura è un settore fondamentale anche per la promozione di Trecastelli e che, nel futuro, continueranno ad arrivare numerose altre iniziative e soddisfazioni per il lavoro svolto dall’Amministrazione comunale.

Post precedente

Un futuro roseo e ricco di novita' per il panorama televisivo

Post succesivo

Visi e Voci su Tv Centro Marche, trasmissione del 7 gennaio 2017

Ciro Montanari

Ciro Montanari

Nato a Senigallia (Ancona), nel 1966, esercita la professione di giornalista da oltre trent'anni, diventando professionista il 15 settembre 1992. Inizia a collaborare nel campo dell'informazione nel 1986 attraverso radio Velluto Senigallia. Dal 1988 passa al piccolo schermo con Tv Centro Marche, poi alla carta stampata come redattore e direttore responsabile di riviste regionali e nazionali. Negli anni si specializza in vari campi del mondo della comunicazione: radio, televisione, uffici stampa, presentazioni, organizzazione di eventi, corsi scolastici, web. Dopo oltre venti anni di lavoro con Nerosubianco, fonda l'agenzia di servizi giornalistici Visi e Voci.

Nessun Commento

Lascia un commento