Aziende

Montecappone, originalità nel prodotto

Valorizzare l’originalità del territorio nel prodotto, rendendolo così localizzabile e riconoscibile dal consumatore. E’ la mission dell’azienda vinicola Montecappone di Colle Olivo guidata dall’imprenditore romano Gianluca Mirizzi.

utopia

Montecappone è stata fondata alla fine degli anni ‘60 a Jesi. Nel 1997 la società è stata rilevata interamente dalla famiglia Bomprezzi-Mirizzi (già proprietari dell’omonima Enoteca Tuscolana di Roma da oltre 50 anni) che ha iniziato immediatamente il rinnovo e l’ampliamento della cantina e il rinnovo di quasi tutti i vigneti. La famiglia Bomprezzi-Mirizzi ha fatto del vino la propria passione. Iniziano come vinai a Roma nel 1957 e oggi gestiscono direttamente la loro enoteca, una delle più qualificate a Roma. Marchigiano d’adozione, Mirizzi ha così dato vita a un’importante realtà vitivinicola: 54 ettari di vigneti sulle colline di Jesi e dei suoi Castelli, con 12 ettari di oliveti. L’azienda possiede una cantina di vinificazione dotata di tutte le più moderne tecnologie, così da esaltare la grande qualità della materia prima. L’obiettivo di Montecappone è infatti quello di valorizzare al meglio la qualità dei vitigni allevati: Verdicchio e Sauvignon i bianchi, Montepulciano, Sangiovese e Syrah per i rossi.

La filosofia aziendale che contraddistingue l’azienda vinicola Montecappone è quella di essere al servizio del territorio cercando di valorizzarlo in maniera neutrale e dolce, senza interpretazioni originali e stravaganti bizzarrie. Mirizzi si avvale di uno staff qualificato di collaboratori, innamorati della terra e del lavoro: enologi,agronomi, cantinieri. L’obiettivo comune è quello di valorizzare l’originalità del territorio nel prodotto, che deve essere localizzabile e riconoscibile da parte del consumatore, per questo non si accettano deroghe né eccezioni, la diversificazione dei vini a seconda della loro origine costituisce l’essenza del vino stesso. Nessun altro prodotto ha questa caratteristica e nessun’altra pianta come la vite ha la capacità di trasferire nel proprio prodotto l’anima del territorio.

L’accurata selezione delle uve sul vigneto, basse rese per ettaro, sperimentazioni in vigna e in cantina, apporto tecnico di professionisti seri e preparati combinati con la passione per il vino che da sempre è nel Dna della famiglia, sono gli elementi cardine che contraddistinguono i vini di Montecappone.

Nel 2015 l’imprenditore Gianluca Mirizzi getta il cuore oltre l’ostacolo, ancora una volta, e firma un nuovo stile produttivo con l’azienda Mirizzi. Sceglie lo stemma araldico di famiglia per questa nuova brillante intuizione che lo porta a gestire 6 ettari di terreno in cima alla collina affacciati sul centro storico di Monteroberto di proprietà e un oliveto di 2 ettari e mezzo, l’uno di fronte all’altro lungo la strada Aguzzana. Il vigneto sul lato destro e l’uliveto con le sue 600 piante sul sinistro.

 Federico II, Utopia, Pergolesi, Rèsio, Madame Rina e Monsieur Rino: tanti sorsi che raccontano la storia di una famiglia e di un territorio.

Post precedente

Visi e Voci 14 ottobre 2017

Post succesivo

"Chiamatemi Federichino", successo per Talita Frezzi

Ciro Montanari

Ciro Montanari

Nato a Senigallia (Ancona), nel 1966, esercita la professione di giornalista da oltre trent'anni, diventando professionista il 15 settembre 1992. Inizia a collaborare nel campo dell'informazione nel 1986 attraverso radio Velluto Senigallia. Dal 1988 passa al piccolo schermo con Tv Centro Marche, poi alla carta stampata come redattore e direttore responsabile di riviste regionali e nazionali. Negli anni si specializza in vari campi del mondo della comunicazione: radio, televisione, uffici stampa, presentazioni, organizzazione di eventi, corsi scolastici, web. Dopo oltre venti anni di lavoro con Nerosubianco, fonda l'agenzia di servizi giornalistici Visi e Voci.

Nessun Commento

Lascia un commento