Sport

Pesaro è troppo forte MyCicero ancora ko

Non era certo la gara di Pesaro quella che poteva regalare alla MyCicero Senigallia la prima vittoria del 2018. Il gap tecnico e fisico tra le due formazioni è in effetti evidentissimo.

E così dalla trasferta della penultima giornata del campionato di serie B è emersa una gara senza storia dove nel primo quarto le senigalliesi non sono riuscite a realizzare un canestro su azione. Gli unici due punti del terribile parziale (17-2) sono giunti solamente a meno di un minuto dal termine su tiri dalla lunetta.

Oltre all’enorme divario, si è aggiunta la sfortuna in diverse circostanze. Le volte che le ragazze della MyCicero sono riuscite ad andare al tiro, la palla rimbalzava una due volte sul ferro ed usciva.

La partita si è così trascinata senza emozioni e, sebbene Senigallia abbia nel corso del match guadagnato qualcosa nella precisione al tiro, non ha mai impensierito le avversarie che, forti del cospicuo vantaggio, nel terzo quarto hanno allentato facendo giocare le riserve.

Poi, nell’ultima frazione di gioco, la partita è tornata alla sua normalità.

Pesaro è meritatamente la seconda forza del torneo e merita di giocarsi la promozione in A2 per la completezza del suo rooster.

Il prossimo week end ci sarà riposo, mentre nell’ultima giornata la MyCicero affronterà la Salus Gualdo. Successivamente si svolgerà la fase ad orologio.

 

TABELLINO DEL MATCH:

Parziali : 17-2, 16-8, 19-17, 15-8

Olimpia Pesaro: Federici ne, Barulli 15, Gjinaj 6, Balassone 0, Marinucci 0, Magi 8, Paccapelo 6, Pentucci 9, Gambini 9, Canestrari 9, Alexander 5, Romagna 0.

MyCicero Senigallia: Catena ne, Cattalani 3, Veroli 0, Amadei 11, Bucciolini 2, Coccitto 3, Formica 6, Lazzari ne, Marconi 3, Angeletti 7

Post precedente

Visi e Voci 20 gennaio 2018

Post succesivo

Visi e Voci 27 gennaio 2018

Ciro Montanari

Ciro Montanari

Nato a Senigallia (Ancona), nel 1966, esercita la professione di giornalista da oltre trent'anni, diventando professionista il 15 settembre 1992. Inizia a collaborare nel campo dell'informazione nel 1986 attraverso radio Velluto Senigallia. Dal 1988 passa al piccolo schermo con Tv Centro Marche, poi alla carta stampata come redattore e direttore responsabile di riviste regionali e nazionali. Negli anni si specializza in vari campi del mondo della comunicazione: radio, televisione, uffici stampa, presentazioni, organizzazione di eventi, corsi scolastici, web. Dopo oltre venti anni di lavoro con Nerosubianco, fonda l'agenzia di servizi giornalistici Visi e Voci.