Avvenimenti

Un Foro per Pasqua, 10° edizione a Senigallia

Una ricorrenza importantissima a Senigallia per la quale gli organizzatori – come sempre pensando in grande – hanno ottenuto riscontri di grande valore sia in termini di presenze che di interesse.

Così può essere sintetizzato il bilancio della decima edizione di “1 foro x Pasqua”, il mercato di prodotti tipici e artigianali e di oggettistica del piccolo commercio nel quale si inserisce “@ rivestiti di cultura” il progetto artistico culturale, nato nel 2013, con lo scopo di rilanciare l’arte, l’artigianato, la cultura e l’impresa del territorio, punti di forza del made n Italy.

Promosso dalla Confartigianato di Senigallia, con il patrocinio del Comune, l’organizzazione di PROMO D di San Giovanni in Marignano che ha curato gli aspetti tecnici per quanto riguarda l’allestimento e l’organizzazione logistica, l’evento si è svolto dal 31 marzo al 2 aprile scorsi nella cornice del Foro Annonario, animando il centro storico cittadino durante il ponte di pasqua e pasquetta.

Tante bancarelle di vari prodotti da degustare, toccare, indossare e non solo. La ex pescheria del Foro è appunto tornata sede di un’esposizione, un grande progetto, quel “@ rivestiti di cultura” per cercare di stimolare con perfomances, installazioni, lettere e letture artistiche le persone ad uscire da una crisi che investe non solo il settore economico, ma anche quello culturale.

L’idea è stata quella di creare una commistione di menti creative (operatori culturali e mondo artistico territoriale) – a partire da una tematica unica – in un luogo/contenitore altrettanto unico: la ex Pescheria del Foro Annonario.

Fondamentale a riguardo è stato il lavoro dello staff di Confartigianato (diretto da Giacomo Cicconi Massi e Laura Coppa), delle associazioni cittadine e della Consulta per la Cultura del Volontariato di Senigallia. Di rilievo pure il ruolo del notissimo fotografo e regista senigalliese Lorenzo Cicconi Massi che ha realizzato una foto autoriale.

Insomma una collaborazione tra più enti e realtà, sotto la regia di Confartigianato, che ha voluto presentare ai turisti del periodo pasquale ed ai residenti uno spaccato di ciò che il territorio ha da offrire: dai prodotti enogastronomici fino al cibo per la mente in un percorso capace di risvegliare le sensibilità e dare un senso di “rinascimento moderno”, volto a rilanciare l’arte, l’artigianato e l’impresa locale, veri punti di forza del made in Italy.

I locali della ex Pescheria si sono così trasformati in un vero e proprio contenitore d’arte e di energia creativa a partire dal sinergico connubio fra operatori culturali e mondo artistico territoriale. Tra le realtà presenti Ar(t)cevia, il cinema Gabbiano, le associazioni culturali NelversogiustoRione Porto, il circolo culturale Ancos, la Tela e Teatri Solubili, il centro culturale Le Rondini, l’associazione Remel e Sena Nuova, la Casa della Gioventù, il Movimento artistico Introvisione, il gruppo Fotografico F7.

 Il titolo scelto è stato “Ogni storia comincia con un bacio…”. A suggerire il tema di quest’anno, “Il bacio rubato”, lo scatto fotografico che ha reso immortale Robert Doisneau, omaggiato dalla città di Senigallia con una mostra che ha aperto i battenti proprio in questi giorni.

Tuttavia, si è scelto di dare, attraverso il titolo dell’evento, una connotazione storica al tema del “Bacio” inteso anche, ma non solo, come atto a suggello di una storia d’amore, bensì di altre rilevanti storie.

Ogni storia comincia con un bacio è stato il tema dell’evento al quale, tra gli altri, ha partecipato effettuando una fotografia autoriale anche il notissimo fotografo e regista senigalliese Lorenzo Cicconi Massi.

L’obiettivo, pienamente centrato è stato quello di fare di questo evento il momento di apertura della nuova stagione turistica, capace di catturare l’attenzione di quei tanti visitatori che rappresentano una ricchezza fondamentale per Senigallia. Non si è trattato del solito mercato, ma di un vero e proprio progetto artistico, molto cresciuto nel corso di questi anni nella qualità degli espositori e delle esposizioni, che ha inteso valorizzare gli aspetti culturali e artistici del territorio come motori della ricerca e dell’innovazione e, quindi, dell’economia e del fare impresa.

D’altra parte, il futuro del nostro Paese passa dalla valorizzazione di risorse uniche e non riproducibili come la cultura, il patrimonio artistico, la creativa tradizione artigianale. Ed a riguardo, Senigallia e “@ rivestiti di cultura” all’interno di 1 Foro per Pasqua è stato un esempio concreto.

Una manifestazione in ascesa grazie allo sforzo degli organizzatori e del prezioso tessuto culturale formato dalle tante associazioni, nuove e storiche, le quali, insieme, valorizzando i luoghi più suggestivi, contribuiscono a fare di Senigallia un contenitore di eventi di qualità e a dare prospettiva al futuro.

Gli appuntamenti principali della manifestazione, si sono svolti in occasione dell’apertura di “1 Foro per Pasqua”, a partire dall’Omaggio a Doisneau: Il bacio (rubato).

Essendo il tema principale, il bacio d’amore, ogni sorta di coppia è stata invitata presso la ex Pescheria del Foro Annonario a scambiarsi un bacio. Le associazioni fotografiche e fotografi liberi professionisti sono stati ugualmente invitati ad immortalare i baci più significativi ed ogni associazione, a propria scelta, ha offerto omaggi e piccole esperienze alle coppie accorse come preventivamente concordato con l’organizzazione.

L’evento è stato arricchito da citazioni e passi dedicati al bacio, accompagnati dal suono di un violino.

Nella seconda parte della giornata di apertura, il tema del bacio è stato affrontato secondo altri punti di vista: si pensi, ad esempio, al bacio quale ricorrenza politica storica, al bacio di Giuda, al bacio dell’attivista NoTav al poliziotto durante una manifestazione.

Questa fase è stata introdotta da una performance a cura di AR[t]CEVIA Onlus.

Nelle giornate di Pasqua e Pasquetta, tantissimo movimento con il mercato di prodotti tipici e artigianali e di oggettistica del piccolo commercio promosso dalla Confartigianato di Senigallia e spazio libero per l’autopromozione dei singoli e delle associazioni che hanno aderito con entusiasmo a questa straordinaria kermesse.

Post precedente

MyCicero, impresa sfiorata a Perugia

Post succesivo

Collezione Federico II per Arte Orafa Marchegiani

Ciro Montanari

Ciro Montanari

Nato a Senigallia (Ancona), nel 1966, esercita la professione di giornalista da oltre trent'anni, diventando professionista il 15 settembre 1992. Inizia a collaborare nel campo dell'informazione nel 1986 attraverso radio Velluto Senigallia. Dal 1988 passa al piccolo schermo con Tv Centro Marche, poi alla carta stampata come redattore e direttore responsabile di riviste regionali e nazionali. Negli anni si specializza in vari campi del mondo della comunicazione: radio, televisione, uffici stampa, presentazioni, organizzazione di eventi, corsi scolastici, web. Dopo oltre venti anni di lavoro con Nerosubianco, fonda l'agenzia di servizi giornalistici Visi e Voci.