Cultura

Il genio creativo di Maria Marchegiani

Tradizione orafa e innovazione tecnologica: un sogno che diventa realtà per la designer e artista jesina Maria Marchegiani, che oggi presenta la sua nuova collezione ispirata all’imperatore Federico II.

Corone, leoni rampanti, stemmi araldici, gemme incastonate in preziosi e opulenti collier. Una collezione di pezzi unici, nati dal genio creativo di Maria Marchegiani titolare di Arte Orafa Marchegiani, boutique del gioiello che nasce a Jesi nel 2004, in quella stessa via Pergolesi (già via degli Orefici), che nel ‘900 ospitava la maggior parte delle botteghe orafe della città. Una tradizione artigianale lunga e prestigiosa quella della Jesi ai tempi d’oro, con più di 100 botteghe a formare il distretto del gioiello e maestri orafi al lavoro con commissioni da tutta Italia. Erano gli anni dei grandi nomi, dei maestri Lucagnolo e Cellini. E di quella storia, oggi Maria Marchegiani custodisce i segreti e li tramanda ai tempi moderni, realizzando preziosi monili in cui la tradizione del passato, del bozzetto disegnato a mano, si sposa alle nuove tecnologie del rendering 3d guardando al futuro e al contemporaneo.

Simboli imperiali per un design elegante ma al tempo stesso moderno, contemporaneo, con gioielli pregiati ma anche realizzati con altri materiali, non solo oro e pietre preziose, per trasfondere la forza, la cultura e la genialità dell’imperatore Federico II in anelli, spille, orecchini e collane adatte a un look quotidiano, prezioso ma non sofisticato e troppo impegnativo. Arte Orafa Marchegiani è questo: eccellenza made in Italy che coniuga linee moderne a simbolismi del passato.

Da questo strettissimo legame con le sue radici nascono le collezioni “Bugne” ispirata ai bugnati dei palazzi rinascimentali, “Lusso divino” anelli eleganti e minimal intrecciati come i tralci delle vigne, “Vintage” un omaggio alla moneta italiana delle 500lire montate su collane, ciondoli, bracciali e orecchini, “Pergolesi” orecchini a chiave di violino con pendenti in materiali, spessori e finiture diversi capaci di una loro musicalità col movimento.  I gioielli di Arte Orafa Marchegiani sono oggetti che esprimono con la loro forma e materia concetti invisibili: come la bellezza, la vita e l’amore. Nascono dall’intuito e dal talento di Maria Marchegiani, artista e designer jesina innamorata dell’arte, con alle spalle importanti collaborazioni come quella con il maestro Arnaldo Pomodoro.

 

 Gioielli di design, eleganti e contemporanei, prodotti pregiati realizzati grazie all’eccellenza del made in Italy. Pezzi d’arte che crea Maria Marchegiani, gioielli unici ed esclusivi realizzati con eccellenti manualità, guarniti con pietre rarissime e destinati a diventare oggetti d’autore. Le collezioni di Arte Orafa Marchegiani (con il brand Marchegiani Italian jewels per l’estero) sono state indossate e valorizzate da eccellenti testimonial del mondo dello sport e dello spettacolo: dalla campionessa olimpica di scherma Elisa Di Francisca al campione mondiale di volley Osmany Juantorena e la ballerina professionista e attrice Alice Bellagamba.

Arte Orafa Marchegiani è un brand carico di simbolismi e di elementi che ne determinano la riconoscibilità, tra questi elemento fortemente distintivo è il color “champagne” dell’oro. Ottenuto con una particolare lega di 18 carati creata da Marchegiani che esalta la raffinatezza dei gioielli e richiama il colore beige del brand. Una grande designer dell’alta gioielleria non può non avvalersi di uno staff di altissimo livello: dalla designer esperta in rendering 3d Laura Curzi, alla gemmologa Sara Casanova e alla manager della vendita Eleonora Marchegiani.

Venite a scoprire i gioielli dell’imperatore Federico II alla boutique di Arte orafa Marchegiani, a Jesi, proprio qui dove è nato l’imperatore svevo e dove tutto è iniziato.

Post precedente

Lega Navale Ancona, ennesimo spettacolo dei baby lupi di mare

Post succesivo

Visi e Voci 28 aprile 2018

Ciro Montanari

Ciro Montanari

Nato a Senigallia (Ancona), nel 1966, esercita la professione di giornalista da oltre trent'anni, diventando professionista il 15 settembre 1992. Inizia a collaborare nel campo dell'informazione nel 1986 attraverso radio Velluto Senigallia. Dal 1988 passa al piccolo schermo con Tv Centro Marche, poi alla carta stampata come redattore e direttore responsabile di riviste regionali e nazionali. Negli anni si specializza in vari campi del mondo della comunicazione: radio, televisione, uffici stampa, presentazioni, organizzazione di eventi, corsi scolastici, web. Dopo oltre venti anni di lavoro con Nerosubianco, fonda l'agenzia di servizi giornalistici Visi e Voci.