Sociale

Ottobre in Rosa Andos Senigallia

Da anni Senigallia si caratterizza per la presenza di associazioni con finalità di carattere sociale. Tra le tante, si distingue per impegno e risultati concreti l’Andos, associazione nazionale donne operate al seno, composta da donne, operate al seno o no, ed aperta a tutti coloro che vogliono dare il loro contributo, finanziario o di volontariato.

dav

Il primario obiettivo dell’Andos è quello di promuovere, avviare e sostenere tutte le iniziative utili per la riabilitazione della donna operata al seno, aiutandola a riprendere il cammino con consapevolezza e serenità, migliorando la qualità della vita.

L’associazione A.N.D.O.S. di Senigallia si impegna da molti anni nell’ottica della Prevenzione con molte attività e progetti rivolti a tutta la cittadinanza.

dav

In particolare durante l’Ottobre in rosa lavora per cercare di sensibilizzare ed informare meglio le donne e tutta la popolazione del territorio, sul tumore del seno e sulle varie tecniche e modalità di prevenzione e riabilitazione, con la partecipazione di molti professionisti all’avanguardia in campo nazionale ed internazionale.

dav

Come tradizione, anche quest’anno, l’Ottobre in Rosa è partito con l’illuminazione di rosa di Porta Lambertina e della Rotonda a Mare e del Banner sottostante, tecnicamente perfettamente riuscito grazie alla disponibilità del Comune di Senigallia. Altri luoghi simbolo della città che dunque si sono tinti di rosa, dopo l’illuminazione negli anni passati di Palazzo del Duca e Porta Fano.

Tutto ciò per dare visibilità al lavoro dell’Andos e portare all’attenzione di tutti che Ottobre in rosa è il mese della prevenzione delle malattie oncologiche femminili.

dav

Oltre ad illuminare di rosa i simboli della città, nell’appena concluso mese di ottobre, l’Andos ha organizzato diverse iniziative.

In “Sala Rosa” all’interno dell’ospedale di Senigallia, tutti i mercoledì pomeriggio le dottoresse del reparto di chirurgia, Martina Nisi e Raffaella Ridolfo hanno promosso un corso di autopalpazione del seno.

Decine di donne hanno potuto beneficiare di questa forma di prevenzione. Una tecnica che, quando viene eseguita regolarmente e correttamente, può aiutare a ridurre il rischio di diagnosticare un tumore alla mammella in fase avanzata.

sdr

Il 20 ottobre scorso, la storica dell’arte Anna Pia Giansante ha esposto presso la Mediateca di Senigallia una lettura magistrale dal titolo “Sant’Agata nella storia e nell’arte”.

L’argomento è stato scelto in quanto Sant’Agata è la protettrice delle donne operate al seno e la stessa è venerata con intensa devozione per il martirio a cui fu sottoposta. Il proconsole Quinziano se ne invaghì, ma i suoi tentativi di seduzione non ebbero alcun risultato.

Le vennero stirate le membra, lacerata la pelle con pettini di ferro, scottata con lamine infuocate. Poi, per deturparne definitivamente la bellezza, Quinziano le fece strappare i seni con enormi tenaglie. Agata viene rappresentata con i due seni posati su un piatto e con le tenaglie. L’Andos apre ogni anno a Catania la processione di Sant’Agata con il suo stemma.

dav

Sempre nell’ambito di Ottobre in rosa dell’Andos di Senigallia, si è svolto presso l’Istituto Panzini il nono corso di “Cibo è salute” sulla prevenzione alimentare e l’uso corretto di cibi e cotture, tenuto dallo chef Giovanni Allegro, consulente di cucina della Fondazione I.R.C.C.S. Istituto Nazionale dei Tumori di Milano.

dav

dav

Il progetto “Cibo è salute  viene studiato e messo a punto nell’ottica che un’alimentazione sana promuova il benessere, migliori la qualità della vita e possa persino allungarla. D’altra parte, il cibo può svolgere un ruolo essenziale per aiutare il nostro corpo nella prevenzione e nella cura di diverse malattie. Per questo, Andos e Panzini hanno proposto corsi di cucina alla portata di tutti, imparando a cucinare e degustare alcuni menù equilibrati a base di zuppe, primi piatti, secondi, contorni, dessert, elaborati a seguito di studi sulla connessione tra un’alimentazione non equilibrata ed il rischio insorgenza di tumori e altre patologie.

dav

Il corso “Cibo è salute” si è chiuso con una cena didattica, sempre preparata dallo chef Giovanni Allegro, nel corso della quale è stata illustrata la preparazione dei piatti sotto il profilo nutrizionale.

Una serata che ha presentato tutti gli ingredienti per essere ricordata: un menù sano e corretto, accompagnato da graditissimi interventi musicali a cura della cantante Serena Api con Luca Cerigioni al pianoforte.

dav

Per sostenere l’Andos ed aiutarla a proseguire nel proprio lavoro è possibile attraverso:

Il versamento del 5×1000 dell’imposta che tra l’altro non interferisce con l’8×1000 destinato alle opere sociali dello Stato e delle Chiese.

Oppure, attraverso versamenti di quota associativa o libere donazioni su un conto corrente postale.

La sede dell’Andos di Senigallia si trova in via degli Oleandri, ed è aperta tutti i lunedì, mercoledì, venerdì dalle ore 15 alle 17.30, mentre il giovedì pomeriggio su appuntamento.

dav

Post precedente

Visi e Voci 3 novembre 2018

Post succesivo

"Insieme per Amore", raccolta fondi per tutelare i diabetici

Ciro Montanari

Ciro Montanari

Nato a Senigallia (Ancona), nel 1966, esercita la professione di giornalista da oltre trent'anni, diventando professionista il 15 settembre 1992. Inizia a collaborare nel campo dell'informazione nel 1986 attraverso radio Velluto Senigallia. Dal 1988 passa al piccolo schermo con Tv Centro Marche, poi alla carta stampata come redattore e direttore responsabile di riviste regionali e nazionali. Negli anni si specializza in vari campi del mondo della comunicazione: radio, televisione, uffici stampa, presentazioni, organizzazione di eventi, corsi scolastici, web. Dopo oltre venti anni di lavoro con Nerosubianco, fonda l'agenzia di servizi giornalistici Visi e Voci.