Ambiente

Impianto di compostaggio del CIR33 (prima parte) – settembre 2010 –

Un concime naturale da poter poi utilizzare in agricoltura. E’ il risultato che viene garantito dal processo di lavorazione dell’impianto di compostaggio di Corinaldo (Ancona), inaugurato nell’ottobre 2008.
L’impianto corinaldese, voluto dal Cir 33 — consorzio intercomunale Vallesina Misa — è una struttura fondamentale che permette di raccogliere il materiale organico proveniente dai comuni del bacino interessato (33 comuni della provincia di Ancona) ed ottenere un compost (tecnicamente definito ammendante compostaggio), un ottimo concime da utilizzare appunto in agricoltura.
Un materiale molto particolare quello trattato dall’impianto di compostaggio di Corinaldo, perché — a differenza di tempo fa — il procedimento garantisce al fertilizzante prodotto le caratteristiche per restituire al terreno le sostanze organiche o ad esso sottratte dal ciclo naturale.
D’altra parte, il rifiuto organico è difficilmente utilizzabile senza un procedimento del genere: l’operatività dell’impianto corinaldese va dunque a risolvere una lunga serie di problematiche.

Post precedente

Alimente Villa Silvia Senigallia (settembre 2010)

Post succesivo

Impianto di compostaggio del CIR33 (seconda parte) - settembre 2010 -

Ciro Montanari

Ciro Montanari

Nato a Senigallia (Ancona), nel 1966, esercita la professione di giornalista da oltre trent'anni, diventando professionista il 15 settembre 1992. Inizia a collaborare nel campo dell'informazione nel 1986 attraverso radio Velluto Senigallia. Dal 1988 passa al piccolo schermo con Tv Centro Marche, poi alla carta stampata come redattore e direttore responsabile di riviste regionali e nazionali. Negli anni si specializza in vari campi del mondo della comunicazione: radio, televisione, uffici stampa, presentazioni, organizzazione di eventi, corsi scolastici, web. Dopo oltre venti anni di lavoro con Nerosubianco, fonda l'agenzia di servizi giornalistici Visi e Voci.

Nessun Commento

Lascia un commento