Cultura

Mara Vitale Santoni incanta con le sue poesie

Nel suo dna c’è la poesia, nei suoi componimenti ci sono tutte le sfumature della vita. Parliamo di Mara Vitale Santoni, pronipote del vate Gabriele D’Annunzio, ospite alla biblioteca Orciari di Marzocca di Senigallia.

dav

Un incontro letterario di grande intensità e spessore quello ospitato nei giorni scorsi alla Biblioteca comunale grazie al Centro sociale Adriatico, promotore dell’iniziativa. Ospite, la poetessa Mara Vitale Santoni, nata in ex Jugoslavia da genitori italiani insegnanti all’estero. Un’infanzia a Spalato, poi il rientro in Italia nel 1943, a Belvedere Ostrense, dove ad oggi vive. Mente vivace, attenta osservatrice dei fatti della vita, ha sempre coltivato le nobili arti della scrittura, della musica e del canto. Ai concorsi letterari si è classificata per 200 volte ai primi posti, di cui 50 al primo. E’ autrice di testi di  canzoni e romanze. A Marzocca ha presentato i suoi due volumi editi, “A me ritornano le verdi fronde” e “Dopo il passo leggiadro dell’estate”.

Le poesie di Mara Vitale Santoni nascono dalle vicende della sua vita, sono la traduzione dell’immediatezza delle sue emozioni in uno stile coinvolgente, comunicativo, ricco di varie strutture metriche, di trame libere, metafore e assonanze, sintesi di una grande maturazione artistica.

La poetessa belvederese ha all’attivo numerosi concorsi letterari, premi ed encomi. Alla biblioteca Luca Orciari di Marzocca di Senigallia, i suoi componimenti sono stati letti e interpretati da Giulio Moraca, Elvio Angeletti e Marisa Landini, in una serata ricca di emozioni e di ricordi, durante la quale la signora Mara – 89 anni e un immenso bagaglio culturale e di esperienza – hanno ripercorso la genesi dei versi, rileggendo anche le pagine più belle della sua vita. Un grande orgoglio averla ospite, anche per il presidente del centro sociale Adriatico, Mauro Mangialardi.

sdr

 La serata è stata allietata dagli intermezzi musicali del maestro Giovanni Brecciaroli, insegnante, musicista, compositore, cantante che ha trasformato le poesie della signora Vitale in romanze.

“Tenera Azzurrità”, questo il titolo del disco, inciso dall’etichetta discografica Astralmusic, ricorda un po’ i dischi del bel canto di inizio ‘900, brani da camera cantati da Tosti, romanze in stile retrò ma sempre piacevoli da ascoltare.

Il centro sociale Adriatico promuove anche concorsi letterari e poetici a livello nazionale, che trovano il loro momento clou nella rassegna “La poesia nel borgo” a Montignano.

dav

Il direttivo ha invitato la signora Vitale a partecipare, quale ospite d’onore, alla serata del 25 agosto durante la quale le sarà consegnato il premio alla carriera, per la sua lunga e intensa attività poetica, che le ha permesso di imprimere su carta pensieri, ricordi, emozioni in un percorso di vita che segue il filo logico del tempo: dalle prime gioie dell’infanzia, agli amori, lo stupore e la curiosità della giovinezza, fino all’età del rimpianto, del ricordo, senza mai perdere la fede e la speranza.

Tanti elementi che ora sono parte anche di un progetto musicale, che presto sarà ospitato nei teatri e circoli musicali del territorio.

dav

Una bella testimonianza, di grande valore musicale e culturale, che sfida il tempo e cristallizza le emozioni in sonorità e parole.

Post precedente

Nuova sede agenzia Generali Italia di Senigallia

Post succesivo

Mara Vitale Santoni, poesia nel Dna (vg)

Ciro Montanari

Ciro Montanari

Nato a Senigallia (Ancona), nel 1966, esercita la professione di giornalista da oltre trent'anni, diventando professionista il 15 settembre 1992. Inizia a collaborare nel campo dell'informazione nel 1986 attraverso radio Velluto Senigallia. Dal 1988 passa al piccolo schermo con Tv Centro Marche, poi alla carta stampata come redattore e direttore responsabile di riviste regionali e nazionali. Negli anni si specializza in vari campi del mondo della comunicazione: radio, televisione, uffici stampa, presentazioni, organizzazione di eventi, corsi scolastici, web. Dopo oltre venti anni di lavoro con Nerosubianco, fonda l'agenzia di servizi giornalistici Visi e Voci.