Avvenimenti

Il fascino della Fiera di Sant’Agostino di Senigallia

Va in archivio con un bilancio decisamente positivo la 555° edizione della Fiera di Sant’Agostino che, dal 27 al 30 agosto scorsi ha animato il centro storico di Senigallia. Un appuntamento storico per la spiaggia di velluto, un evento capace di donare fascino, di regalare emozioni, di offrire gustosità e vivacità, ma soprattutto di attirare migliaia e migliaia di visitatori.

Una kermesse affascinante da tutti i punti di vista che, tra i numerosi spazi espostivi, ha ospitato tra il vallato della Rocca Roveresca, via Manni e Piazza del Duca la Fiera Campionaria. Qui, decine e decine di espositori di aziende del territorio e non solo hanno proposto le loro offerte eccellenze, specialità, idee, progetti, nel periodo 24 agosto – 1 settembre.

La Fiera di Sant’Agostino è un evento ricco di suggestioni storiche e culturali, che in passato ha dato a Senigallia fama e notorietà internazionale. A riguardo, Carlo Goldoni dedicò alla celebre fiera franca una delle sue opere teatrali, “La Fiera di Sinigaglia”, messa in scena nel Settecento in numerose capitali europee.

Da quell’epoca sono cambiate tante cose, ma nonostante le trasformazioni, la Fiera di Sant’Agostino ha continuato  a rappresentare uno degli eventi più attesi di Senigallia, come d’altra parte hanno dimostrato i numeri ed il programma dell’appuntamento che complessivamente ha accolto circa 400 espositori.

Presso i giardini Catalani, le attenzioni sono state rivolte ai più giovani, attraverso la Fiera Franca dei Ragazzi, riservata esclusivamente allo scambio e/o alla vendita di giochi, libri, fumetti e simili. Elemento di ulteriore valore è stata la partecipazione gratuita, riservata esclusivamente ai ragazzi fino ai 16 anni di età che, per assicurarsi una postazione, non hanno dovuto far altro che recarsi sul posto ed occupare uno spazio tra quelli disponibili. In piazza Ottorino Manni il percorso ha accolto gli stands promozionali per la vendita e la degustazione di prodotti alimentari legati alla filiera corta. Altri produttori diretti (aglio, cipolla ed ortofrutta) sono invece stati posizionati per motivi di sicurezza in viale Leopardi.

Per il 31° anno consecutivo, graditissima la Fiera Biologica a cura della cooperativa “Terra e Cielo” che in piazza del Duca ha visto l’allestimento di 216 metri quadrati di stand con 14 banchi espositivi e di vendita di produttori certificati bio del territorio locale. Una vetrina di classe che ha interessato e coinvolto appassionati e curiosi, con risultati eccellenti sia per la visibilità del settore, sia per lo spazio commerciale.

Per il quarto anno consecutivo, questa edizione al Foro Annonario, si è svolta Sant’Agostino Art & Market a cura dell’associazione Factory ZeroZero. Si tratta di un progetto di reimpiego dei rifiuti, vendita ed esposizione di diversi tipi di prodotti con appunto materiali di riutilizzo che ha visto la partecipazione di 20 unità espositive. Un mercato dedicato ai giovani artigiani bravi nell’autoproduzione e nella creatività, arricchito da laboratori con bambini ed eventi musicali popolari presso l’ex pescheria.

Un bell’esempio in un momento storico importante per la sensibilizzazione sui temi dell’ambiente e sulla sua salvaguardia.

E naturalmente in tutto il centro storico senigalliese le classiche bancarelle, che sia per i prodotti ed i profumi del passato, sia per le novità del presente, hanno quotidianamente richiamato migliaia di visitatori: famiglie, bambini, anziani, donne, uomini che dal classico zucchero filato all’acquisto più originale, hanno trovato un punto di riferimento in questa imperdibile kermesse.

Per il terzo anno, tra i luoghi della città, sapori e colori della Fiera sono stati accolti in piazza Garibaldi.

E poi via via anche, lungo le rive del fiume Misa, nei portici Ercolani, piazza delle Erbe, Corso due Giugno, in piazza Simoncelli, piazza Saffi, viale Leopardi. Un’organizzazione perfetta da tutti i punti di vista all’interno di un percorso dove sono stati allestiti punti per la sicurezza (camper e gazebo in piazza Roma come punto di primo soccorso), wc chimici, giostre ed altre attrazioni per spettacoli viaggianti.

Operativo ed efficiente è risultato anche il servizio Bus Navetta con tre linee collegate ai comodi parcheggi dislocati nelle zone sud, nord e centrali, strategiche della città.

Dal capolinea della stazione ferroviaria con i parcheggi di via Podesti nel quartiere Ciarnin, con Villa Torlonia nei pressi del quartiere Cesanella, con i parcheggi dell’A14 e via Abbagnano, presso il centro commerciale Il Molino. Senza interruzioni dalle 17 alle 20 e dalle 21 alle 24 è stato possibile nei giorni 28, 29 e 30 agosto della Fiera di Sant’Agostino, effettuare partenze ogni 15 minuti. Altri parcheggi comodi utilizzati e collocati a due passi dal centro storico, allo stadio Bianchelli ed all’ex Sacelit.

Un appuntamento ancora una volta ben studiato e ben riuscito che senigalliesi ed ospiti continuano e senza ombra di dubbio continueranno ad amare.

Post precedente

Grazie a Pelikan la Thailandia è più vicina

Post succesivo

Visi e Voci 7 settembre 2019

Ciro Montanari

Ciro Montanari

Nato a Senigallia (Ancona), nel 1966, esercita la professione di giornalista da oltre trent'anni, diventando professionista il 15 settembre 1992. Inizia a collaborare nel campo dell'informazione nel 1986 attraverso radio Velluto Senigallia. Dal 1988 passa al piccolo schermo con Tv Centro Marche, poi alla carta stampata come redattore e direttore responsabile di riviste regionali e nazionali. Negli anni si specializza in vari campi del mondo della comunicazione: radio, televisione, uffici stampa, presentazioni, organizzazione di eventi, corsi scolastici, web. Dopo oltre venti anni di lavoro con Nerosubianco, fonda l'agenzia di servizi giornalistici Visi e Voci.